<<  Novembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

loghiis copia

siquac

Il Sistema Nazionale INFEA necessita  la realizzazione di strumenti di valutazione che possano essere applicati alle strutture del Sistema (Centri di coordinamento, Laboratori Territoriali, Centri di esperienza) ed alle attività proposta ( servizi offerti, accoglienza, capacità progettuale, offerta formativa,ecc.).

Un Sistema di Indicatori di Qualità finalizzato a valorizzare i soggetti coinvolti, a indirizzare la loro crescita attraverso un  confronto culturale orientato alla Partecipazione attiva, all’Autovalutazione e all’Inclusività.

Il sistema di valutazione è uno strumento operativo essenziale, a livello regionale, per assicurare qualità ed omogeneità delle iniziative realizzate e delle strutture di Educazione Ambientale, per questo motivo “è necessario definire un sistema di indicatori di qualità che possa essere applicato con la necessaria flessibilità a scala regionale e territoriale”.

Il sistema Crea degli strumenti e delle modalità ad uso dei CEA per riflettere su se stessi e definire degli obiettivi di miglioramento

 

Il sistema, articolato in quattro aree tematiche, può essere applicato per la valutazione e selezione delle proposte progettuali e delle strutture ai fini dell’ingresso nella Rete (accreditamento), e per valutare la qualità del percorso effettuato dalle strutture accreditate (certificazione).

Il sistema di indicatori di qualità del sistema INFEA della Regione Calabria trae ispirazione dal sistema di indicatori definito dalla Regione Basilicata che, a sua volta, prende spunto da quelli elaborati dalla Regione Toscana e dalla Regione Liguria.

La scelta degli indicatori di qualità parte dal principio dell’autonomia e delle specificità di ciascuna Regione nell’individuazione degli strumenti idonei alla valutazione delle proposte e delle caratteristiche strutturali delle Reti regionali, ma necessariamente tiene conto  di un quadro generale di riferimento nel quale definire gli strumenti ed i contenuti relativi a standard di qualità per l’intero Sistema INFEA, previsto dalle politiche ambientali dell’UE.

Il SIQUAC si basa sul principio che non sia possibile descrivere la qualità indipendentemente dal contesto di riferimento.

La qualità è stata intesa come un concetto relativo e dinamico, che si modifica a seconda dei punti di vista, degli interessi e dei valori di chi la definisce e/o la osserva, delle condizioni in cui si sviluppa

Gli indicatori non sono semplicemente numeri, ma variabili complesse che traducono requisiti e valori etici e di sistema. Ciascun Indicatore è spiegato attraverso i Descrittori, che concretamente suggeriscono come impiegarlo. Ciascun Descrittore è poi accompagnato da una sezione denominata Documentabilità, che consente di verificare la natura dei Descrittori individuati e di rivelare la logica numerica sottesa.

Inoltre gli Indicatori (ed i corrispettivi Descrittori) sono distinti in necessari, quelli per i quali una valutazione negativa comporta il mancato accreditamento e/o certificazione, e desiderabili.

Gli Indicatori rappresentano la complessità strutturale e funzionale dell’area in esame, essi non definiscono un numero o una misura, ma, la traduzione dei criteri e dei valori in descrizioni più precise di qualità.

Ciascuno Indicatore viene esplicitato mediante dei Descrittori, che permettano di descrivere e di valutare la qualità dell’Indicatore: una esemplificazione cioè di come l’indicatore potrebbe essere interpretato e concretamente realizzato in pratica, essi possono essere numerici e/o statistici, se tali numeri corrispondono ad azioni di qualità, valutando anche i metodi ed i contenuti proposti, e ricercando la coerenza con i criteri ed i valori generali.

Ciascun Descrittore è accompagnato da modalità di riscontro della propria sussistenza, attraverso la Documentabiltà.

Tale elemento riveste notevole importanza in quanto consente di verificare sia che i Descrittori individuati siano effettivamente tali (e non siano invece Indicatori), sia che la logica numerica rimanga sottesa a quella dell’argomentazione e del dialogo.

Le quattro aree tematiche, in cui è articolato il sistema, sono:

  1. Verifica ed autovalutazione del Sistema In.F.E.A.;
  2. Accreditamento dei nodi della rete del Sistema In.F.E.A.;
  3. Certificazione delle funzioni afferenti a ciascun nodo;
  4. Valutazioni di bandi, programmi e progetti.

L’area tematica “ Verifica ed autovalutazione del Sistema In.F.E.A.” include gli Indicatori relativi alle cinque funzioni rappresentative della mission del Sistema stesso:

  • Proposta educativa
  • Formazione
  • Animazione e progettazione territoriale
  • Informazione e comunicazione
  • Coordinamento e capacità sistemica (Fare rete)

Tali Indicatori sono funzionali alla verifica ed all’autovalutazione sulla coerenza degli obiettivi, della programmazione, della progettualità, delle iniziative e delle azioni del Sistema In.F.E.A., anche rispetto al quadro di riferimento teorico - valoriale.

 

L’area tematica “Accreditamento dei nodi della rete del Sistema In.F.E.A.” include gli Indicatori per l’accreditamento dei nodi della rete (Centri di Educazione Ambientale - per la sostenibilità, Osservatori Ambientali per la sostenibilità, Laboratori di Esperienza – per la sostenibilità) al Sistema, valutandone la coerenza riguardo a:

  • Organizzazione
  • Risorse materiali (spazi)
  • Risorse materiali (attrezzature)
  • Risorse umane
  • Risorse finanziarie.

Tale accreditamento si avvale di una ulteriore verifica, costituita dalla rispondenza agli indicatori dell’area tematica che segue .

 

L’area tematica “Certificazione delle funzioni afferenti a ciascun nodo” include gli Indicatori per la certificazione per le cinque funzioni rappresentative del Sistema In.F.E.A.

Alcune di tali funzioni sono essenziali ed indispensabili affinchè la struttura, accreditata secondo gli Indicatori appartenenti alla seconda area tematica, possa ottenere l’accreditamento definitivo, partecipare alle attività del Sistema e ricevere eventuali finanziamenti.

Le funzioni essenziali (indispensabili) differiscono a seconda della tipologia della struttura:

  • C.E.A. (proposta educativa, animazione e progettazione territoriale, capacità sistemica e di lavoro in rete)
  • Osservatori Ambientali (informazione e comunicazione, (formazione?), capacità sistemica e di lavoro in rete)
  • Laboratori di Esperienza (Proposta Educativa, capacità sistemica e di lavoro in rete).

La funzione “capacità sistemica e di lavoro in rete” potrà essere valutata soltanto dopo un periodo di circa sei mesi dalla costituzione della rete.

 

L’area tematica “Valutazione di bandi, programmi e progetti” contiene gli Indicatori relativi alla verifica ed alla valutazione della coerenza degli strumenti attuativi con il quadro di riferimento teorico e di valori ed all’approvazione e valutazione di progetti ed iniziative proposte e/o realizzate dai nodi della Rete, all’interno della programmazione del Sistema In.F.E.A.

Sebbene il sistema di indicatori, così articolato, comprenda un significativo numero di indicatori, esso si riduce a sottosistemi con un numero di indicatori limitato e facilmente gestibile, quando lo stesso è considerato per ciascuna area tematica. Tali sottosistemi, poi, si riducono ulteriormente, se riferiti alle singole sezioni e/o funzioni.

Il SIQUAC è uno strumento che sintetizza e specifica una filosofia dell’Educazione Ambientale, ed è utilizzabile non tanto per il controllo quanto per lo sviluppo della qualità nell’ottica del miglioramento continuo